Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi e esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Comunità parrocchiale di Termon

 

TERMON   (ab. 285)

Parrocchia 24 giugno 1967. In precedenza, cappella (notizie documentate dall'anno 1395); e, dal 1723, curazia della pieve di Denno.

Info: slm 595; comune Campodenno; cap 38010; km 31 da Trento - 12 da Mezzolombardo - 2 da Denno

 Indirizzo: 38010 Termon (TN)

 Numero telefonico: 0461/655551

 Parroco: Pellegrin don Alessio (rs Denno)

 

Chiesa della natività di S. Giovanni Battista

La chiesa parrocchiale di Termon dedicata alla natività di San Giovanni Battista  è ricordata già dal 1395, fu ricostruita nel 1778 da Pietro e Antonio Bianchi di Brienno.

La facciata è  ornata da un portale in pietra bianca e rosa e da un rosone centrale. L’attuale campanile risale al 1766.

L’interno, a navata unica, presenta volte a vela e arco santo a tutto sesto. La decorazione ad affresco dell’inizio del XX secolo, rappresenta i quattro evangelisti, il Padre Eterno benedicente e l’incontro di San Giovanni Battista con Gesù Cristo.

L’altare maggiore in marmi policromi, realizzato dai fratelli Giovanni Battista e Giuseppe Antonini nel 1786, conserva una pala novecentesca raffigurante la natività di San Giovanni Battista. L’antica pala dell’altare maggiore, opera di Mattia Lampi è attualmente appesa sulla parete sinistra della navata; anch’essa  raffigurante  la natività di San Giovanni Battista. Dello stesso artista sono le quattordici stazioni della Via Crucis, dipinte tra il 1776 ed il 1778.L’altare laterale destro seicentesco è forse opera dell’intagliatore Simone Lenner, è ornato da una statua lignea raffigurante la Madonna del Carmine. Anche l’altare laterale sinistro è probabile opera di Lenner e presenta una pala coeva, raffigurante l’Incoronazione di Maria.

Ai lati dell’arco santo sono visibili due statue lignee raffiguranti la Madonna Addolorata (XIX secolo)  e il Sacro Cuore di Gesù opera di Carlo Pancheri.

Sul lato destro dell’aula trovano posto un  fonte battesimale di marmo rosso, scolpito nel 1725 da un certo Giovanni Briani e una nicchia contenente una statua lignea novecentesca, raffigurante San Giuseppe con Bambino.

Tratto da: “Guide del Trentino – Val di Non Storia, arte, paesaggio” a cura di Eleonora Callovi e Luca Siracusano